Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/353

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


I l'I'MI

I.

— La nobiltà?... Ma benedetto Iddio!
Che ne capite, caro don Pacifico?!

Io vi dico, vi spiego e vi significo
che riconosco bene il fatto mio !...

Io sto pagando da tanti anni il fio
d’altri peccati! E mò ve lo giustifico!...

10 scendo in linea retta dal Magnifico !
Ed a Firenze debbo avè nu zio...

11 mio casato è Medica / Altro ramo,
direte voi, perchè la desinenza,
invece di far ci, viene a far ca f /

Beh ! Non ve lo contesto ! Ma richiamo
coi documenti, tutt’ ’a discendenza!

E faccio addò me trovo ! O ccà, o Uà !