Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/349

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


347

L’ ABB1TUDINE
I.

-- Kn ecco l’uomo, caro don Ciccillo !
Prende una rcnza, etl entra nella vita...
Quando c’è entrato, non c’è via d’uscita!
Non ne puoi derogà manco tantillo !

V’ inzorate ? Ed il primo piccerillo
è nella casa comni’ ’a calamita !

Tutto ti annoia, e la tua mira ambita
è de potè alleva chillo mpesillo !

Ti passa il gusto delle cose belle !

Chi più bello, ’on Cicci, del tuo marmocchio?
Tu te lo cresci con le mollichelle !...

Lo so’ : grande, può darti nu dolore ?

Bè, nun fa niente ! Tu ci chiudi un occhio !
Tutto, se po’ acconcia ! Maro chi more !