Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/346

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


Ha

'•■l-COI.A HOkc.UhsiA

III.

— Ma voi dite sul serio, o pazziate?

— Pazzèo? Parola mia so’ un ignorante!

Ho passato all’Ufficio le giornate
copianno 'e scarabbocchie ’e tuttuquante...

Perciò, don Pasquali, me dicevate?

Il pupo?...— E un personaggio, ma parlante!
Tirate il filo, e quello corre arante...

Vaie ve ne faciarrisseve risate!

Io, da ragazzo, età c’ uno se spassa,
facevo il mio filone, e capirete...

— Eh, lo capisco... Mangiatoia bassa...

— £ cosi, cu na tasca zeppa zeppa
di castagne spezzate (voi ridete?)

me n’andavo al teatro ’e donna Peppa—