Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/342

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


11

Pazzèati la rendita, ecco quà!

Non fare come a quello del raccondo!

Vuoi tenè sei cavalli? E sbagli il condo!

Sti sei cavalli, (è certo!) hann’’a magna!

Quattro tolette per tua moglie?... E già!
Ma quanno bussa ’a sarta, io non rispondo!
Poi s’accosta l'espròpito del fondo,
e allora? Tengo ’o dritto ’e me spassa!

Come! Tu disonori il tuo blasone
e ti nzelli di debbiti, perchè?

Per guidare l’attacco ’a postiglione?!