Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/336

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


V.

E se voi sentireste ’a Direttrice,
che a Natale gli feci una creanza !

Me chiamò sola dentr’ all’ altra stanza,
e me disse così : Maire /elice !

E poi, donna Betti ! Con che imbortanza,
parlò di Rosalia ! Me disse, dice :

« Fatela sturià ! Forza e costanza !

Ca voi ci avete una verzeggiatrice !... »

E col fatto ! ! Ve dico, mo’ nce vo’,
benzi ca queste cose io n’ ’e ccanosco,
piangei, quann’ essa prese ed esordò !

E che crerete, eh’ era robba ’e niente ?
Ricramò quella cosa r’ Uco Fosco :

Per me si va nell* agitar volente !