Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/334

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


III.

Perciò la sera, in casa ! ! Faccio bene ?

Ma ngi divertiamo «veramente !

Uh, se sapreste ! Viene tanta gente !

Più ’a casa è zeppa, e più gente gi viene !

Vengono quelle a porta, le Parente,

’a famiglia Papurchio, donn’ Irene,
inzomma, bona gente, che conviene,
gente ca nun se vede e nun se sente !

Si passa una serata, fra ti noi,

con due tre scherzi inòquiti, nu gioco,

quel sette e mezzo che vi piace a voi...

Poi, certe volte, con molta frequenza,
dopo d’ avè suonato qualche poco,
facciamo pure ’e gioche ’e penitenza.