Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/332

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


LA BUONA MADRE

I.

— K voi, che fate?... ’A sera non uscite?

— Signora mia! Dove vogliamo andà?!
Con tre figlie zitelle, voi capite,

che faccio ? ’E pporto appriesso p’ ’e mustrà

Oggigiorno, le donne emangipite,



scòpano lloro ’a strata ! E nuvità ?

Le vetete tipide e colorite
sempre in tredici lloro, a spassiggià !

Mo’, una persona onesta, (eh’ è buggia ?)
se ngi tiene al ricoro di famiglia,
nun se fa cchiù vedè, signora mia !

Qua’ so’ finiti i tempi di virtù !

E se Dio t’ ha mandato 'a primma figlia»
mpìzzati in casa, e non uscire più !