Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/327

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


II.

Lo so; soltanto col ragionamento
ci potressimo mettere di accordo,
ma non sarà così ! L’ uomo del nordo
vuol seguitare a fare il prepotento !

Gli dici la raggione, e quello è sordo !
Glielo ripeti, e dice : Non ci sento !

E se addivento cane e poi ti mordo ?
tu mi dài torto, già, naturalmento !

E si è fatta l’Italia !... Ah, che currivo !..

Ci siamo dati a lloro piedi e mani...

Ma... dàlie e dàlie, porta all’ abblativo !

Tu nun te stanche? M’ 'a fai dentro all’occhio ?...
E fa il commodo tuo !... Ma se domani
mi vieni sotto, io piglio e ti scaracchio!