Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/325

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


3*3

V.

Ecco: se vostra moglie tene ’a rogna...

— (’A tene sempc* sòreta!) —... che fate?

Ricorrete alle solite pomate

fatte de zolfo, de pasticci e nzogna?

Soltanto se si sape, è una vergogna!
Non solo! Ma ca voi la medicate ?
Diciteme mo’ a me: che ne cacciate ?
Quella rimarrà sempre una «rogna!

Invece, un abitino benedetto,
quello di Santo Lazzaro, cosi,
gliel’applicate e vi farà l’effetto !

A me quel... guaio... come se n'andò ?
Folte con le mignatte, don Cicci ?

Feci il voto a San Ciro, e mi passò!