Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/322

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


II.

lo, mo' noe vo', conosco queste cose !
Aprite, per esempio, ’o mbrello in casa !
Meglio ca ve buttate int* a na vrasa!
Succedono disgrazie spaventose !

Mia cognata-cugina, ‘a Benincasa,

che soffrì sempre malattie nervose,

pe n' ombrellino aperto nc è rummasa !

E cionca !... Glielo dissi, e non rispose !

t

— « Cuncettì, tu fai male, cu st’ ombrello !.
Lei si schiattò di risa, e volse il dorso !...
E ’a famosa condanna del fratello ?

Come ! Tu ti decidi, don Cicci,
a rubare la Cassa di Soccorso,
e te ne fuggi giusto ’e venerdì ! !...