Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/318

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


II.

Ccà si sanno, le cose, don Cicci !

Di politica nera io ne capisco ! !

Mio zio, il cardinale Mazzesisco
l’ha confidato a me, pritnm’ ’e partì !

Io Ile menai na lenza: — Neh, zi-zì,
farete Oreglia ?... E lui :—Seh f po’ sta friscoL-

— Rampolla, allora?... — Non lo garentisco...

— Capecelatro?...— E a chi vuò fà muri?!

Io gli stavo avvolgendo ’e calzettine
nel Vero Guelfo, quando, non so come,
feci uno sforzo, e schiuppai dint’ ’e rine!...

E da questo compresi chiaramente
che si squagliava pure il terzo nome,
bensì che quello fosse intransigente...