Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/315

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


Se l’Austria mi cercasse nu cunzi<»lio,

r

vedete, don Cicci, ci penserei !

Mo’ nce vo’ \» fatto, io tengo i fatti miei,
la mia famiglia, na moglie, nu figlio...

Lo capisco ! Al momento del periglio,

(puoi dirmi) te ne vai?... Bè... non saprei!..

Qualche norma, così, te la darei,

ma... c’ è la Russia, eh’ è nu grave impiglio!

Là siamo tutti un po’ parenti ! È certo !...
Ora dunque! Mi spiego? E come vuoi
che ti dico il mio scopo, aperto aperto?!...

Ccà se tratta de scegliere nu Rre;
ma, se mettiamo il carro innanzi ai buoi,
debbo farmi il malanimo con te!?...