Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/312

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


3io

PICCOLA 13 O R li li K S f A

LA TRAGEDIA NEI BALCANI

I.

—Avetk visto? Io ve l’avevo detto!

Llà doveva venirne uno scatascio!!

Sono andati a spararli dentr’al letto
e poi l’hanno menate ’a copp’abbascio !

— Ma che traggedia!...—Che carnevalerò !
Uccisi tutti!... Li hanno presi a fascio!...
Sacrificati a colpi di moschetto!

Lui che diceva a lei : « Io non ti lascio...»

Quando la bestia-popolo si sveglia,
e puranche l’esercito si abbacca,
credete, don Cicci, eh* è fritta ’a treglia !...

E, vedete: io vi dico, in quanto a
che non vi pagherei mezza patacca,
se, putacaso, voi sareste Re !