Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/311

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


309

IU.

Giorni or sono, mia figlia maritata,
quella belloccia... Teodolinda... Embè,
stava non so in qua’ chiesa... inginocchiata...

— Pure int’ ’e cchiesie arrobbano, don Pe’ ? !

— Sentite !... non è cosa esaggerata !...

Io mi limito a di’ chello ched' è !...

Da dietro, se senti solleticata...

E in una chiesa è sacrileggio, ovè?!

— Ma sicuro ! — Ora dunque, aggiungo io,
svergognatone ! Vedi o no, che ffiu ?...

Tu rubi in chiesa! Dint’’a casa ’e Dio?!

— E vostra figlia ?... — E che volete fa ? !...

Na gentidonna può supporre mai

ca uno s’ 'a manèa pe l’arrubbà ?