Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/309

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


307

I LADRI
I.

— Il una disdetta, caro don Carlino !
Na specialità de stu paese !...

Con tutte ’e ttasse, le angherie, le spese,
vi trovate nel vallo di Bovino !...

O incontrate qualcuno alzato a vino,
e vi costringe de veni alle prese,
o puramente qualche malandrino
piglia, e vi prende giusto pe francese !

L’altra sera, sortivo da Scarpetta,
ebbè, nu tale, al Borgo, ci abbordò !
Eravam’ io, mia moglie e Manetta !

Io fui preso dai turchi ! E meno male
che lui fuggi alle grida!... Ca si no,
ricorrevamo all’ acqua torriacale !