Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/295

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


II.

Neh, quella di che s’ era infatovata ?

Vuleva fa’ pe forza ’a ballerina !

« Tu nasci bene, cara mia Sisina ! »

io Ile dicevo. « Tu non sei sfacciata !... »

« Pe sta carriera nge vo’ na trottata !

Come diciamo noi : na culuinbrina !

Ma la figlia d’Ippolito Mappina
può essere una figlia snatorata?! »

Si persovase. Stette un po’ così,
poi c’ altro sghiribbizzo gli saltò ?

Voleva far la mima, don Cicci !

— Se non è zuppa è pane nfuso... — E già !
E ce lo dissi !... « Questo non si può ! »

- - « Ebbè, allora imparàteme a cantà !... *