Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/294

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


GL’INCERTI DEL MESTIERE

I.

— Hd eccovi gl'incerti <lel mestiere!...

Le figlie grandi, in casa, so' na spina!

Le puoi mettere sempe int’ ’a cucina ?
Quaccuna, è certo, vo’ sta’ ’ncannelien* !

Io so’ invecchiato ! Stòno per cadere !
Faccio i capelli bianchi ogne niatina !...

La tirate coi denti, a na bambina,
e poi ?... Ne ricavate un dispiacere !

La prima, e quella Uà, pe ggrazzia ’e Dio,
si maritò benino ; ed ora stanno
sopra al Pittore, in casa de nu zio...

Ma la seconda !... Morze amare, ’on Cì !

Me ne sta danno che me ne sta danno !..•
Io non so come fare, eccoci qui!...