Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/292

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


PEL RINCARO DEL PANE

i (,iudi~;i sui Municipio,

I.

— In verità, mio caro don Girmelo,
stu Municipio nostro è nu mistero !

  • < » » «


E giallo ? E verde ? E russo ? E bianco ? E nero
E stammo nterra, o pure stammo in cielo ?

Se ci stess* io, te lo squarciassi, il velo !

Non fo per dire, sono un uomo intero !

Saccio addò vaco ! Penzo col penziero !

Ma co sta ggente qua ? Si butta il fielo !

Mò che ognuno vi aspetta ogni momento,
pel rincaro del pane, e il fatto è grave,
apritevi ! Mostrate l'argomento !...

Ma nient’ affatto ! E mmiezo a ttanta mbruoglie,

il sindaco, che tiene ambo le chiave,

sta facenno me cuoglie e nun me atoglie !