Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/285

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


283

II.

Me medesimo ! Dunque ! Quel cognato

il commesso di Miccio, mi capite ?

Oltre ad essere ’o capo svergognato,
ladro de carte e peggio... Che ne dite ?

— Scusa ! Stu bello mobbile !.. — Ho parlato... !
Dunque, don Filomè, sentì... sentite!

Mo’ vene 'o bello !.. E dove sò restato ?

— Ah ! Mi sembra addu Miccio !... Proseguite !

— Don Filumè, pe quanto ve rispetto,
era tale nu piezzo 'artiglieria !

Vedete, io non ne levo e non ne metto !

La sorella ? L’istesso ! Una megera !

Tutta ’o fratello, va ! Parola mia !

Sboccata, vasciaiola e strellazzera !