Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/282

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


IU.

Io tengo l' asiatica alla gamma,
un po' di tossa cronaca nervosa,
la diabbcta, ’a nasccta d’ ’a mamma,
e cheli a apposta me fa ’a dispettosa !

Na sola vota all’ anno tengo famma,
e ho desiderio de pruvà quaccosa... ?
Ebbè, quella s'imperni, s’infiamma,
e di botto addiventa scrupolosa !

Carne?... Chi ’a vede! Debbo farne senza!
Se inzisto, mette in tredici il peccato
che il Papa deve dare la dispenza,

cosicché, don Cicci, debbo crepà!...

Oggi la febbre m' ha felicitato ?

Ebbè, chella m* ha fatto baccalà 1