Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/278

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


III.

Ma siccome ili gobbi come ho detto
non c’ è penuria, io neòccio ’o scartellato !...
E, ben contento d’averlo trovato,
caccio un sospiro tanto, ’a dentro ’o petto !

Poi subbito, m*imbatto in un soldato,
vedo due preti scendere a un traghetto...

È fatta! penzo !... Tutto è scongiurato!...
Nce vo’ o cavallo janco, e po’ è perfetto...

Vàllo a truvà, stu càncaro 'e cavallo!...

Llà ce sta U’ acqua ! c’ è le gondolete.J
E sul più bello, so’ rimasto in fallo!...

Potete immagina la rabbia mia!...

Senza ’o cavallo janco, capirete
sfumava tutta la scaramanzia!...