Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/276

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


RICORDI DI VIAGGIO

I St'(7l\tlHt!H'itl

I.

— Un’altra cosa, don Cicci, vedete:
si sa che sono suprestizzioso !...

Ebbè, gi tengo ! Me so’ fatto ombroso !
Lo dico a voi. che mo' mi conoscete...

E non ci è caso ! Sono pittimoso !

Na cosa storta, lo comprenderete,
mi mette addosso tale nu nervoso,
che non combino più, se mi credete !

Scendo a Venezia, in mezzo alla laguna,
e non descrìverò l’impressione
del Canalazzo al chiaro della luna...

So’ rimasto incantato a tutta oldranza!
Ma, riparlando ’e suprestizzione,
ve debbo fa nota na circostanza...