Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/273

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


II.

Ma che vuù rispettò patrone o cane !
Rampolla penza : — fc frale come un vetro...
Oreglia penza : — Po’ muri dimane...

Tu corri avanti ?... Ed io te vengo addietro !

E stanno sempe pe pigliarse ’e mane,
cchiù gialle ’e nu vacile ’e ramocetro...

E queste so’ le cose vaticane !

Così cammina il soglio di San Pietro !

Meno male che il Papa, quello lì,
a nuvantaquatt’ anne, ’a verità,
s’è miso ncapo ca nun vò muri !

Dice: — Schiattate!... E fa quello che vuole!
E nce scommetto, ca si poco sta,
se magna na nzalata 'e puparuole...