Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/265

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


IL DIVORZIO AL CAFFÈ

•La scettico)

I.

— Come ! Dovunque ino' il divorzio va,
e solamente quà si mette il veto?

Tutt’ ’o munno va nnanza, ’a verità,
e nui, oca bbascio, jammo setnpe arreto!

Che me ne mporta, d’’a moralità !

Neh, che nce trase? Io butto sangue e aceto
Dò nu calcio a mia moglie e dico : — ’O ssa
Rumpete ’e ggamme e famme sta cuieto !

Ccà nce stanno caterve de mugliere
che veramente, porca la Marina!,
non sono donne, so’ ccarabiniere ! !

Per me, mi trovo bene! Io sono solo!

Mi faccio due fagioli ogni niatina,
e po' me n’ esco, e sbafo ncopp’ ’o Muoio !