Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/258

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
256
piccola borghesia



IV.



Dicimmola comm'è! A lui gli cuoce,
pecchè, cu 'o matrimmonio d' 'a nipote
che portò pure una cospicua dote,
non è andato col musso dentro al doce!

Il marito, nu certo Della Croce,
che ll'ha battuta nu zuffunno 'e vote,
(e queste cose sono troppo note!)
lle cumbinai nu piattino atroce!

Neh, quello prima se mangiò ogni cosa,
poi fece lega con una fristiera,
na cantata scomposta, na nguacchiosa,

e poi spedì a zì-preveto un biglietto,
che lui si divideva d' 'a mugliera
perchè runfava troppo dentro 'o letto!...