Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/257

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
255
piccola borghesia


III.


Zi-prete nostro, nun ce po' passà!
S'è appiccecato cu nu deputato,
poi s'è costituito in comitato,
e po' ha stampato sulla Libertà

n'articolo di fondo assai salato,
che ha fatto molto chiasso, 'a verità!
Figurateve, neh! L'ha intitolato...
— L'ho letto! Vade retro! Eccolo cquà!

Nce sta nu brano dove lui si scaglia
contro l'andazzo dell'opportunismo...!
Che ingegno neh! Che penna di battaglia!

— Ah! Quello lì! Se era un secolaro,
e si sarebbe dato al giornalismo,
mo' fosse overo un polimisto raro!