Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/255

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
piccola borghesia
253



IL DIVORZIO


(In famiglia)


I.



Come! La santità della famiglia
m' 'a vulite distruggere accussì?
Voi primma sulingate alla mia figlia,
'a jate appriesso, m' 'a fate ammalì,

po' v' 'a spusate; e doppo, che vo' di'?
Voi me l'arriducete una moniglia!
L'abbandonate, e poi... chi se la piglia?
Sti nfamità nun l'arrivo a capì!

Ched'è? Nu bello giorno nun te sona,
e tu te sparte?... Sei nu scellerato!
Primma era bona, e mo' nun è cchiù bona?

Questa mi pare una furfanteria,
consequenza del mondo svergognato!
Giesù, Giuseppe, Sant'Anna e Maria!