Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/252

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
250
piccola borghesia



I MARITI



I.



Io sono privo, don Ciccì, vedete,
de fumarmi nu sigaro toscano!...
Mia moglie tiene un senso disumano
che, se v''o conto, non lo crederete!...

Volendo stare nella mia quiete,
vivere, mò nce vò, da cristiano,
zittisco e soffro... E quella llà, sapete?
si piglia il dito con tutta la mano!...

E che me fa passà? Sempre rimbrocci!
Si consuma na scatola 'e cerine?
Strilli tremendi! E dio ne pago i cocci!...

Ieri gli volli fa' na crianzella;
gli portai lo sciroppo di susine?...
Embè, mi buttò appresso una garsella!