Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/250

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
248
piccola borghesia


II.


So' cose che, a parola mia d'onore,
te fanno addeventà pazzo sfrenato!
Tu mi educhi nu figlio scostumato!
Mi tiri nella casa il disonore!

Come! L'autorità del genitore
la metti sotto i piedi a stu sforcato?
Tene dieci anne, e già pare trottato
come se fosse 'o primmo prufessore!

Quante volte ho tentato 'e reaggì!
Niente! Ogne giorno c'è nu ballo 'e ll'urzo!
— « Tu che t'hai messo in capo, Cuncettì?! »

Embè, lei m'interrompe int''o trascurzo,
e lo chiama: — « Bebè, venite quì!
Dite: papà chi è?»...«—Papà? È nu turzo!...»