Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/248

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
246
piccola borghesia



II.

L'oggetto che per cui tu ci tenevi?
Il ricordo più bello di famiglia?
Il braccialetto a serpe di tua figlia?
Ebbè che nge vuò fa! Non ci cadevi!

Se tu te lo vendevi quanto avevi?
Na mangiata di fave! Una moniglia!
Gli fai la causa? E chi te lo consiglia!?
Certo, tu il fuoco non lo prevedevi!

Viene Miraglia e dice: Tu che vuò?
Che forse il Banco l'ho abbruciato apposta?
Mo' c'è l'inchiesta!... Poi... farò... dirò...

Cosicchè voi vi fate persuaso,
calate 'a capa, ve tenite 'a posta,
e poi... restate cu tanto nu naso!