Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/245

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
243
piccola borghesia


IV.


Che morbidezza! Sembra di bambace!
E poi! Si squaglia in bocca..! Intanto, il pane,
argomento allattante, embè, si tace
per causa de stu Sinnaco 'e patane!

Il sovversivo?... E a quello le piace
de soffia' fuoco e mettere zizzane!
Non c'è che ffa!... Simmo napulitane?
E sorbiamoci tutto, in santa pace!

Il Governo? Gnorsì, non fosse male;
ma... sono già parecchi, molti mesi,
ch'è addeventato justo nu spitale!

Poi soccede che il zuco azzecca sotto,
e allora, quann'è doppo che so' scesi,
se fa: Signori dolgi, pasticciotto!