Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/242

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
240
piccola borghesia


'A ZÈPPOLA 'E SAN GIUSEPPE



I.


Don Ciccì! Qua, la vita, overamente,
è piena di amarezze! Io l'ho capito!...
Mangiateve sta zeppula vullente,
che, v'assicuro, vi alleccate il dito!

La bignè! La bignè non teme niente!
Ne vado pazzo!... Che gusto squisito!
E la capisco differentemente,
contro il parere vostro riverito...

La mangio calda! Mia moglie lo sa,
e a tutti gli anni, quann'è « San Giuseppe »,
essa a friggere sempre, io... a mangià!

Provatele!... Qua ci hanno tolto tutto!
Fanno a chi megli po' tirarce 'e streppe!
Che vi dicevo? Non si sente, 'o strutto...