Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/241

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
239
piccola borghesia


III


— Quello, così, cu na saluta forta
che sembrava nu toro, 'o poveretto,
alto, tuzzava 'a testa sotto 'a porta,
tutt'a nu tratto, nu colpo apopletto!

— Giesù, Giesù, Giesù, che brutta morta!
— Quando nce penzo!.. s'era rotto in petto...!
Salute a voi, finì... — Vedete 'a sorta!
— Signò, ho perduto il mio più caro oggetto!

Che sventura! — Capite? Ebbi a murì!
Corsi tutta sbattuta... E pare ajere!
Che impressione! Io nun ve lo so di'!

Voi lo conoscevate. 'A verità,
che bell'uomo, signò! Nu granatiere!
Cantava buffo per le società...