Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/240

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
238
piccola borghesia


II.


— I tempi!.. E.. percepite 'a penziona?
— Sultanto i dodicesimi, signò!
È stata na tracolla bella e bbuona!
Nun nc'è che ffa'!.. Si fa quel che si può!

Mò l'epoca è difficile... ho raggiona?
— E chi ve vo' da' torto? Mò nce vo',
ll'epoca è tanta nfame! È quistiona
c'uno si priva... Si comprende, po'!

Passaggio da uno stato a un altro stato!
Così, si botto...! Na povera donna,
moglie d'un galantommo, un impiagato,

se trova sola, esposta... Ch'ha da fa?
— Signò, raccumannàmmoce 'a Madonna,
ca sultanto essa, 'a forza nce po' da'!