Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/232

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
230
piccola borghesia


III.


Per due lire, signò! Che vi credete?
Dopo tanti anni, non cea le abbonò!
Due lire di sparambio neh che ssò?...
Era dovere suo, comprenderete!

Eppure, eccoci qua! Cme vedete,
jammo currenno!... Ed io ne dubbitò!
Dissi in famiglia: «Nun ce 'o pproponete!
Quella galleta nun se spogna, no! »

E così fu! Ma intanto 'a verità,
chiunque se presenta p' 'a vedè,
io lo sconsiglio per l'umidità!

Ma non è che l'invento o l'impapocchio!
La casa è fredda, e l'umidezza nc'è!
Me lo disse l'ostretico dell'occhio...