Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/230

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
228
piccola borghesia


TRUVANNO CASA


I.


Milli bbongiorno! Voi puranche in giro?
— Signora mia, che nge volete fa!
Jammo truvanno casa...! 'A verità,
che sconfidenza! Me manca 'o rispiro!

Stu « quattro 'e Maggio? » È nu peccato niro!
A mille cose, ve tocca 'e penzà!
Io, se sapevo, me restavo llà!
Quello, il palazzo, io lo conosco piro!

Ma che volete?! Ora, la capïenza,
è diventata stretta p' 'a famiglia!
A restarci, non c'è più convenienza...

Poi, gl'inquilini!... Quell'eterno nciùcio,
m'ha dato ai nervi! E poi, ce sta mia figlia!
Adesso sposa... e dove me la nfrùcio?!...