Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/224

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
222
piccola borghesia


II.


Voi l'aligustra come la mangiate?
Per me, credo ci corre 'a maionese!
E la trigliozza? Solo 'a livornese?
Ma nu fritto nce vò! Come lo fate?

'A casa mia nce abbiamo abbituate,
già s'intende, all'usanza del paese:
nu poco 'e tutto, senza tante spese,
e, capitando, due tre buone orate...

L'anguilla, io non ci vado tropp'appresso!
Che volete? Me fa n'impressione!
pare na serpe... E voi? Pure l'istesso?

Ma s'ha da rispettà l'opinione!
Mia sorella ch'è vecchia, ancora adesso.
fa 'o musso si nun have 'o capitone!