Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/215

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
213
poemetti del cuore



'A MAMMA



Aràpeme sti bracce! Io vogli chiagnere
ncopp'a stu pietto tuio ca m'ha allattato!
Dinto a sti mmane 'a faccia aggia annascònnere
ca m'hanno accarezzato!

Ncopp'a sta spalla ca me po' surrèjere
tu làsseme appuià nu pucurillo,
comme facive, e me purtave nzuòcolo,
quann'ero piccerillo!

E piccerella è rummanuta st'anema
ca s'è guardata attuorno e nun ha visto
ca cchiù tu cride 'a gente e cchiù te ngannano,
e ca lu munno è tristo!