Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/182

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


III.
Songo passate ll’anm*
spi ranno e suspiranno,
senza cacciarne niente,
chiagnenno c strepetnnno!
Neh ma pecchè se chiagne?
Redimmo, è 'a megli» cosa!
Ito* voglio tratta 'a femmena
cu ’a carità pelosa!
Po’ quanno buono buono
me so* seccato,
lasso a essa e piglio a n’ata,
lasso a essa e piglio a n’ ata •
Chesta è a vita
c*aggio ’a fa!
Tradimento e n&mità?