Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/65

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 62 —

sera de lo matremmonio che Io giardino addeventaje diavolo, ombre, e chilli tanta de la paura c’aveltero...

Zucc.Non se ne songo ncarricate chiù, simbè fossero passate da coppa a tre mise, e perzò io dico ca lo patrone nce ajutarrà, e non me metto paura.

Pul.E pure dice buono.

Zucc.Stuta.

Pul.Stuta tu. (con lazzi smorzano le candele e si mettono seduti vicino alle finestre) _Tu t’avisse d’addurmì?

Zucc.Statte scetato, che tu duorme pure dinto a l’acqua. (gradatamente si addormentano entrambi. Da una finestra verrà il Marchese dall’altra Asd.)

Scena II.

Marchese, Asdrtibale e detti

Mar.M’ha detto che m’ avrebbe posto la sedia (cerca col piede) Eccola.

Asd.Nc’avarria da essere la seggia. (c. s.j La vi ccà. (Pul. e Zucc. si svegliano paurosi e si alzano, quindi tutti e quattro girano la scena tre‘ manti, dalle quinte opposte vengono)

Scena ll1.

Fioretta, Viperina e detti.

Fior.Sento rumore, sarà il Marchese.

Vip.Aggio ntiso no ciù ciù fosse D. Asdrubale.

Mar.Parmi sentir qualcuno.

Fior.Marchese?

Mar.Fioretta?

Fior.Dove siete?

Mar.Son qua.