Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/64

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 61 —

Camera decente, due finestre, e sedie

Scena 1.

Olao, Zuccariello e Pulcinella

Ol.Dunque ci siamo intesi, tu di guardia qui, tu qim(indicando le finestre), Quando il momento vi sembra opportuno un grido, ed io sarò qui. Esattezza, e vi ricompenserò, (ria)

Zucc.Pulecenè?

Pul.Compà non accommenzà ca io già sto tremmanno.

Zucc.Aje visto le femmene?

Pul.Comme doppo che lu patrone ave fatto chille sacrificie pe essa...

Zucc.Stanotte vo scappa cu chillo muorto de fallirne de lo Marchesino... E chella nfama de moglierema vo fa la fuggitiva fuggiasca co D. Asdrubale?

Pul.No, agge pacienza, Viperina m’ha ngannato, pecchè essa quanno voleva fui, aveva da scappà cu mme.

Zucc.Statte zitto, non m’indisporre mo. Statammo le cannele, e mettimmoce a la vedetta.

Pul.No io a lo scuro me metto paura.

Zucc.lo manco tengo tanto coraggio, però chello che me dà anemo è chesto; lo patrone io aggio creduto sempe... Ma tu mo t’avisse da fa scappà quacche cosa da vocca?

Pul.Ma che te cride d’ave che fa cu li criature?

Zucc.Lo patrone non ave da essere cosa de chisto munno.

Pul.Chillo è no diavolo mpersona; tu vediste quanno venettero tutte chille ausurare chella