Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/61

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 58 —

créatures. (prima avrà cacciata due pistole ed intimoriti tutti, indi bacia le mani alle due donne) En arrière vous autres, là à la porte; ou par fame de mon aieul, je vous écrase! (via)

Pul.Signuri mieje io non l’aggio capito buono, ma me pare che nc’ànno ditto no sacco de male parole?

Fior.E la colpa è tutta vostra, garbatissima zia, non dovevate permettere che vostro figlio vi seguisse.

Elv. Ma se io medesima faccio le più alte meraraviglie come abbia potuto trovarsi qui, poco dopo di me.

Fior Come!

Elv. Ma sì credimi.

Ol.(Ah! Proserpina, le tue persecuzioni avanzano) Scena X.

D. Bernardo e detti.

Ber. E bravo si fanno feste, baldorie e i creditori non si pagano, evviva il signor Barone. Io le ho dato danaro contante, éd al modestissimo interesse del 10 per 100 al mese; una miseria!

Pul.E che ne parlammo a fa, quanno non se fa lu 200 pe 100 ogne 15 juorne.

Ber. Ma io mi farò pagare!

Scena II.

Succhiasangue e detti.

Saec. E non solamente voi sarete pagato, anch’io devo avere il mio. Barone , voi sapete che quelle cambiali da voi falsificate sono in mio