Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/56

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 53 —

se una mia amica di costi non mi avesse re*t consapevole che dessa era per sposarsi ?

Zucc.(Tu vide lu barone che bello spireto s’ave sciveto pe mugliera).

Nic. Ma se fin da tre mesi io ho scritto che questo matrimonio era impossibile, perchè mia figlia non si voleva da me dividere.

Elv. Questa non sarebbe una buona ragione, perchè vi esisteva una promessa legale , e poi alcuna lettera mi è pervenuta.

Fior.Ma se anch’io ho scritto.

Elv. Si? Ed ecco le tue lettere (dandole delle lettere).

Olao. ( Sciocca, non sai che le tue lettere furono da me involate).

Fior.Non sò spiegarmi come vada questa cosa ! Pulcinella, Zuccariello (chiama).

Scena Vili.

Pulcinella, Zuccariello e detti.

Pul.Ccà stammo nuje.

Fior.Le lettere che io ho spedite a mia zia, sono state da voi fedelmente portate alla posta?

Pul.Io ogne lettera non l’aggio lassata si primma

lo pertuso de la posta non se l’aveva ricevuta.

Elv. Eppure queste sono le lettere che io ho ricevute.

Pul.Vuje?

Elv. Per l’appunto.

Pul.Embè queste sono lettere?

Elv. Ma dicono il contrario di quello che dice Fioretta d’avermi scritto.

Fior.Non sono quelle da me spedite.

Pul.Non accommenzamnn mo a fa lefreche, io aggio avuto sulo le lettere; a me spedito non me l’avite dato maje.