Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/54

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 51 —

Uve credere fuorché io te deva chesta sorpresa, pecchesto non m’avive scritto maje addò stive de casa, ma però tanto aggio fatto che aggio trovato noguaglionciello che m’ave accumpagnato.

Olào.Ma Marchese ..

Tov. Quà Marchese, chisto è nu muorto de famma, chisto m’è nepote , Faggio mannato ccà pe studià , e isso mmece se mette a fa la nnammuratiello. Guè, lassa mo chesta siè sguinzia, (avvicinandosi).

Olào Ma signore qual maniera è la vostra, questa signora è mia moglie.

Tor.Io non saccio chi è, e chi non è; saccio che m’avite arroinato stù guaglione,

Asd.Ne , ma mò pare che si troppo. Barò fate cacciare a questo mascalzone.

Tor.A me! Ah! sango de la morte (<avventandosi al suo collo , tutti corrono ad aiutare Asdrub. che grida). Niente , niente, non le faccia niente... chillo ave ditto che io songo no raariuolo, embè si io le faciarria quacche cosa se putarria credere a li chiacchiere soje, ma però. ( fa un pisso, azione degli altri ). No; Non le faccio niente, embè, lo galantommo parla una vota; ma t’aspetto abbàscio sà, te voglio caccia l’uocchie, a me mariuolo. (c. 3.) Niente, niente, t’aspetto abbascio.

Mar.Ma zio frenatevi.

Tor.Zitto; viene co mme! (p. a.)

Scena VII.

ZUCCARIEL LO poi ELVIRA, DETTI

Zucc.Signò... (vede Tore) Guè compà tu staie ccà, c pe addò si trasutoV

Tor.Po te conto; aggio da dà na lezioncella primma a n’amico. *