Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/51

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 48 —

Tor.Ma che maje v’è succieso?

Zucc.Si sapisse: Oh! fatti tristi!

gcesaa IV.

Plutone e detti

Plut.(da sotterra)

A che mai li rattristi?

Se un melenso sol sei tu?

Zucc.(arAcolando le parole)

Mamma mia! lo Pellottone Fuoco jetta, oh! comme è brutto!

So perduto guaje e lutto,

Veco sulo attuorno a me.

Tor.Bratta overo se prepara,

La jurnata arrassosia,

Chislo è sciuto e nfede mia,

Lo demmonio pare a me.

Plut*(a Tor.)

3\Ton t’inganni, il capo sono DeU’Averno, o sventurato!

Fuggi parti, sciagurato,

Sei perduto se trattieni

Tu poi, figlio iniquo ingrato, (a Zucc.

Che tradisti il mio mandato,

Bada ben che vendicato,

10 mi sia, o trema pur.

(ora all’unoi ora all’altro)

Ite tosto partite, correte,

ll consiglio mio presto ascoltate,

Le più inique calunnie tramate,

Su di voi meschini son già.

Cerca avere Fanello rubato; T’allontana, buon vecchio canuto, Ascoltate, o è tutto perduto,

Qui pur la donna trionferà.

Arte, forza, coraggio alla lotta,

E ben vj giuro si vincerà.