Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/50

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 47 —

Zucc.Nè lu che buò da me?

Tor.Cornine, io me l’aggio crisciuto co Ile mullecliellc, aggio fatecato notte e ghiuorno pe

lo tenè a lo studio, e isso me la chesto a me! Ah! crediteme è tanta l’arraggia che io chiù non connetto, la capa se n’ è ghiuta, 1’ uocchie non vedono . le gamme treni mano , lo cerviello cammina, e me scjppa lo chianlo.

Tor.So femmene!

Zucc.Sì, ma isso T ave da fa co me; doje deta ngannna le metto accussi ( eseguendo ) uno muorzo le don^o e me mmocco lo naso , po po me lo sch;ar?o sotto e a cauce me lo sconto, (facendo le azioni su Zucc.)

Zucc.Ohi ohi tu che cancaro faje?

Tor.Aggiate pacienz3.

Zucc.E che pacienza, tu me stive affucanno, che mannaggia chi t’è nato a te e nepotete.

Tor.Vedite comme parlate malamente, e io non ve dico niente; non mporta, ve perdono. Diceteme addò sta nepotemoi*

Zucc.Io saccio nepoteto.

Tor.No, vuje lo sapite, e me l’avite da dicere.

Zucc.T’aggio ditto ca non lo conosco.

Tor.lo non ve lasso. (avviticchiandosi al collo)

Zucc.(sulle furie)

Chiù non romperme la capo,

Non stunarme, non mpicciarme,

Tu che vuò che ccà a frusciarne Si venuto justo mo?

Tor.Mamma mia, vuje site fera?

Ma nu poco de prudenzia,

Se sa po co la pacienzia Ogne cosa bona va.

Zucc.Si lu mummero m’avota,

Lo cerviello me regira,

Tu me zuche, e tira, tira,

La pacienzia sferra po.