Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/49

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 46 —

montagne. Moglierema me comanna a barda è a sella, s’è fatta cchiù nfernosa de primìin.... La sfran tumulazione mi perseguita, e tutte e duje nc’ avimmo avuto da mettere a servi ncasa de lo Barone-, lo male si è che m’hanno arrubbato l’ aniello, eh ma a me nisciùnome fa capace uno de chili! duje aveva da essere la mugliera de lo Pellottone. Ma mperà a isso che le sarria farine trova n’anielio ccà nterra? Si isso volarria... D. Pellottò (gridando ) Pellottone avanti. Pare che sto comniaananno li sarcizie... Pellottò! (una forte detonazione spaventa Zucc. il monte s’apre, ne sorte un Genio che gli mostra fanello e lo invita a ripigliarselo, ma sempre che costui si avvicina lo schernisce, dicendogli che ne smettesse il pensiero perchè per opera sua le donne non soffriranno molestia, e via ), Aspè mannaggia chi t’è nato ! ( vorrebbe inseguire il Genio, ma si trova di faccia a Tore.)

Scena III.

Toree detto.

V

Tor.Mamma mia!

Zucc.Chi è lloco!

Tor.Songo io.

Zucc.E chi si tu?

l’or. No pover’ommo sperzo, che non sape chiù che via piglia pe ghire a la cita.

Zucc.E ms faje mettere chesti paura?

Tor.Aggiate pacienza; mparateme vuje. Ah! nepote marditto ! pe causa toja me trovo a chesto!

Zucc.Lo vi; li pariente chesto songo.

Tor.E comme venirle ncapo de metterse a fa 1’ ammore, nè se vo nzurà; nè parlate vuje, vo piglia mugliera? (gridando)