Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/48

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 45 —

- io Uiia vota c*pitaje,

Comme a scemo io pover’ommo,

E na femmena spnsaje,

Che me stelle a ntussecà.

Meno n: e che la morte,

T. riesto priesto m’ajutaje,

E co cinco capostuorte A Palano la portò.

Ma mper: da cLillo punto Io lo vi to noe facette,

De mud eri manco neunto Ne vuiette chiù senti.

Si; le femmene so nfame,

Sgrate, perfide, birbante,

Fà ne sanno tante, ^ tante,

Che alla fine può mpazzì.

Fuss’acciso chi le crede,

Chi pe lloro sente ammore,

Fuss acciso chillo core,

Che se sente parpetà.

Mannaggia le femmene! Ecco ccà, chillo povero nepote mio mentre steva a lo meglio de li studi, le vene lo golio de se nzurà Siccome l aggio saputo, senza perdere tiempo , me so puosto ncammino; isso ave da spezza st’ammore. Ma lo bello è che me so sperzo mmiezo a sii campagne , e non saccio addò aggio da ire; trovasse quaccheduno... vedimmo. (via a sinistra

Scena li.

ZuccAriello dalla destra.

Zucc.(pensoso) Zuccariè? Gnò. Addò vaje? Cammino. E che cammine a fà? Sbareo. Quanno n’ommo è tanto stupeto che non sa fare i suoi interessi, è meglio che se ne jesse mmiezo a le