Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/47

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 44 —

Luoghi alpestri — La luna rischiara la scena.

Scena I.

Tore.

Tor.(avanzandosi pensoso)

Oje Tctò, lo fatto è brutto,

Tu te mpizze; ma addò vaje?

No silenzio nc’è, no lutto,

Che mme face spaventa.

Nuovo songo a sta cetate,

50 cafone, so no ciuccio,

Nè vorria, mo mmeritate,

Fanne proprio repassà

Lo nepote mio m’ha scritto Ch’ isso s’ave da nzurare,

E perzò io muto e zitto ^

Vengo ccà pe seommeglià.

Quanta vote l’aggio ditto,

Pecceri stammoce attiento, Oairammore maleditto,

Non te fare sa afferrà.

Ntienne buono, che la donna È na brutta criatura,

Che de guaje sulo abbonna,

De malizia e nfamitàTe la vide lenta e penta,

Longa trezza, rossa faccia,

Tutto chesto è robba fenta,

Li messere pe ngannà.

Se presenta moscia e bona Qua gattella mazziata,

51 t’aggranfa po te stona.

Pe li vizie e nfamità.