Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/43

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 40 —

Pul.Vorrebbo bero?

Zucc.E io purzì! (bevono tutto con Lizzi)

Pros.Embè chesto che vene a dicere? vuie ncè mannate all’urdemo? chesto non è da amlce, si site ferrate cacciate lo fìerro (in azione).

Zucc.Non fa lu guappo, che co st’aniello te faccio abballa pe no mese, (mezzo ebbro)

Vip.(a Pros.) E statte zitto tu; chiste so compagnone e anno deritto a fà chello che vonnoCompà famme vedè st’aniello?

Zucc.Io non lo potarria fa , ma pecchè me si simpatico non m’annejo.

Vip.Overo è bello. (prendendolo).

Pros.(Olaò non la vincerai!)

Vip,(Io aggio fatto lu fatto, te.) (gli dct l’anello)

Pros (Ora tu sarai rispettata da tuo marito)

Zucc.L’aniello?

Vip.E me lo vuò fà osserva, mo ncè ne jammo a fa quatte passe pe la campagna l’osservo, e te lo dongo.

Pros.Addò si Pulecenè... se, chisto s’è addormuto (svegliando Pul. che si addormentato vicino la tavola.)

Pul.Chi è lloco? Li diavole.

Vip.E non fà chiacchiere, cammina.

Pul.Oh! non vottà; mo staje mbriaco.

Zucc.Viene ccà compà , tu staje proprio ammaturo, appoiate a me. (si appoggia mentre Pros. va all’osteria).

Vip.Addò si, Canteniè?

Scena XV.

Oste e detta.

Os. A lu cummanno.

Vip.Arricettate lo vrito, e levate la moneta (paga e via)

Os. Annurateme spisso (leva il tutto evia)